PressROOM | RUMORI DI FONDO: Materiale Resistente #12 | DICEMBRE 2015

Carissimi lettori, questo mese dedico l'articolo agli Arcana Opera, una band vicentina che riesce a fondere in modo molto originale gothic metal, dark, folk e cantautorato italiano.
Il primo nucleo del gruppo nasce nel 2009 per idea del cantautore vicentino Alexander Wyrd con l'intento di trasportare e tradurre in musica la profondità del messaggio trasmesso dalle proprie composizioni. I primi brani prendono forma subito con arrangiamenti che spaziano dal gothic, al folk, al dark, con una spiccata vena esoterica e con testi stile cantautorato italiano ermetici e nello stesso tempo onirici. Questo crossover sonoro e musicale viene realizzato dalla band con l'indiscutibile coinvolgimento e attento studio di ogni dettaglio ed il risultato musicale si può riassumere con la parola "Noir".


Dal 2010 la band inizia ad esibirsi dal vivo e da subito riceve un notevole riscontro del pubblico e addetti ai lavori. Di lì a poco entrano in studio per registrare le prime composizioni e nel 2013 esce il primo omonimo album autoprodotto ed autodistribuito. Dopo l'uscita del primo album si esibisce anche al Ferrock Festival di Vicenza con uno show strepitoso dove si fa notare, non solo grazie all'originale proposta musicale, ma anche per il forte bagaglio tecnico dei componenti, frutto di intenso studio e pluriennale esperienza. 
Gli Arcana Opera, a cavallo tra il 2013 e il 2014, trattano e successivamente firmano con la Nemeton Records. Nel 2015 dopo vari concenti nei clubs italiani e locali prendono parte al Dragonfest tour in apertura agli Haggard. Il 20 giugno scorso esce per la Nemeton Records il secondo album dal titolo "De Noir". All'uscita dell'album seguono alcuni show promozionali; i più importanti sono al Fosch fest, al Sinistro Fest e alla recente data del 28 ottobre scorso in apertura a Mago De Oz.

Lo scorso 20 settembre ho avuto modo di ospitare la band a Materiale Resistente radio show. Queste in breve alcune risposte alle domande fatte durante l'intervista o meglio la piacevole chiacchierata.

Il vostro sound è molto originale soprattutto perché è frutto della fusione di molti generi. Come è nata questa idea?
È una esigenza che alberga in ognuno dei componenti dell'ensemble quella di esprimersi attraverso la musica e non ci sembra il caso di castrare questo processo comunicativo decidendo aprioristicamente il suo percorso; siamo dell'idea, piuttosto, di incanalare questo flusso, senza smorzarne la potenza o negandone la fluidità, gestendone i picchi e riportandoli in un bacino comune. Questo dà addito ad un incontro di stili e generi dettati dal background musicale e dalla creatività di ogni singolo.


Come funziona il vostro processo compositivo?
Ogni composizione possiede una sua storia ed un suo percorso. Senza tediarvi troppo raccontandovi i vari dettagli, possiamo svelarvi che molto spesso si lavora passo passo, dall'introduzione sino al finale del brano, in un processo ove ogni componente è responsabile del proprio strumento con due fondamenti: l'introduzione decide l'ambiente nel quale andremo ad operare e ne influenza gli arrangiamenti e gli elementi di collegamento, mentre la linea vocale determina la melodia principale attorno alla quale si costruiscono gli elementi principali.

Di cosa parlano le tematiche delle liriche dei vostri pezzi?
Le linee vocali ed il loro contenuto comunicativo sono appannaggio totale di Alexander, e citandolo: "Il tentativo è quello di scavare, sondare le emozioni, far crollare certezze per costruirne di più concrete". Utilizza riflessioni filosofiche, leggende, storie quotidiane che hanno suscitato in lui emozioni e sensazioni da raccontare.

Per seguire la band fate riferimento al ben strutturato e sempre aggiornato website www.arcanaopera.com connesso a tutti i social network.
Vi aspetto come sempre ogni domenica dalle 20.05 su Radio Cooperativa di Padova insieme a Alessia ed Elena con tutte le principali novità del panorama hard & heavy. Gli ospiti di questo mese sono: il 6 i Ragin' Madness, il 13 i II Dawn,il 20 i Re Cattivo, il 27 gli Overunit Machine e per la prima trasmissione dell'anno che sarà il 3 gennaio i Red Maldera power rock trio con Carlo De Bei voce chitarra, Manuel al basso e Pablo Drummadores alla batteria.
Restate sintonizzati e buon ascolto!

MarioTio
mariotio@pressmusic.it

Visualizzazioni: 71

Commento

Devi essere membro di pressmusic.it per aggiungere commenti!

Partecipa a pressmusic.it

Partner

Digital Press Music

Seguici su Facebook

© 2019   Creato da Press Music.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio