PressRIFFS | HISTORY OF MUSIC: LA GRANGE - ZZ TOP | SETTEMBRE 2017

PressRIFFS è una rassegna dei più bei Riffs della storia della musica Rock, quei fraseggi musicali inseriti all’interno di un brano, accattivanti e facili da ascoltare e ricordare, che spesso ne decretano il successo.

Il Riff di questo mese è tratto dal singolo più famoso degli ZZ Top, La Grange. Potete vedere l’esecuzione che ho preparato per voi collegandovi a YouTube, con il QR stampato in questa pagina.

“Nel Texas alla radio potevi ascoltare solo tre tipi di musica: country, blues e R&B. E nelle infinite strade che attraversano lo stato, la radio è il tuo unico collegamento” - queste le parole di Billy Gibbons, che insieme a Dusty Hill e Frank Beard, nel 1970 fondò gli ZZ Top. Grazie alle forti influenze musicali con le quali erano cresciuti, combinati alla musica psichedelica e al Rock hanno creato un sound unico, che è divenuto il loro marchio di fabbrica, durato per decenni.
I primi due album furono un flop, e molti critici li stroncarono; il loro primo tour non fu altro che una sequela di sale vuote. Ma nel 1973 con il loro terzo album “Tres Hombres” riuscirono a conquistare il grande pubblico, finalmente portando la loro musica fuori del Texas, scalando le classifiche e, con il singolo “La Grange”, raggiungendo la 41° posizione del Billboard Hot 100. Da allora gli ZZ Top hanno conosciuto un successo pressoché inarrestato, con milioni di dischi venduti in tutto il mondo. Da piccola band locale gli ZZ Top sono diventati una leggenda del Rock e del Blues.
Come è stato detto la canzone che li portò al successo fu “La Grange”, un pezzo che anche al momento del rilascio suscitò non poche polemiche. Questo è quello che il bassista Dusty Hill dice a riguardo: “Avete mai visto il film The best Little Whorehouse in Texas (il miglior bordello del Texas)? La canzone parla proprio di quello. Ci andai quando avevo tredici anni. Molti bambini in Texas, quando era ora di essere ragazzi andavano là, e facevano quello che andava fatto. I padri ce li portavano. Quel posto è rimasto aperto per un centinaio di anni, fino a quando uno stronzo non li ha denunciati facendoli chiudere. Comunque noi ne tirammo fuori questa canzone e uscì forse tre mesi prima della sua chiusura.”
La musica del pezzo si basa su “Boogie Chillen” di John Lee Hooker, un blues piuttosto semplice ma veramente efficace.
 
Nicola Livio
playrockzone@gmail.com

Visualizzazioni: 31

Commento

Devi essere membro di pressmusic.it per aggiungere commenti!

Partecipa a pressmusic.it

Partner

Digital Press Music

Seguici su Facebook

© 2017   Creato da Press Music.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio