il ritorno di DEBORAH BONTEPI e la sua CASTITA'

Dopo l'uscita per l'Etichetta giapponese Orange Records del singolo OH ALFREDO! che l'ha vista protagonista di un divertentissimo video clip https://youtu.be/-W4I1WJLKv4 assieme al suo simpaticissimo furetto Arsenio Bassotten (si, avete capito bene, ha anche il cognome!) nella parte di Alfredo un ladruncolo di professione innamorato delle scarpe, Deborah Bontempi rilancia con il singolo LA CASTITA'  (italian version) https://youtu.be/7iO7vqiYgrk

un singolo piuttosto "singolare" che ci fa riflettere su cosa sia diventato il significato di Castità nell'epoca 2.0.

Il termine "castità" nell'accezione comune, si riferisce alla condizione di chi sceglie di rimanere in astinenza, per esempio per motivi etici religiosi o filosofici. Per estensione, la parola può venire applicata per riferirsi alla condizione di "casto e puro" o alle famose cinture di castità...Nell'epoca di internet, fb, applicazioni più svariate (ed avariate)  e di you tube.. per le nuove generazioni molto probabilmente la parola "castità" non compare nei dizionari di scuola e paradossalmente  se prima era considerata una virtù strettamente correlata alla temperanza, ora è snobbata a tutti gli effetti...salvo all'interno di comunità religiose o per scelte personali, la castità è scomparsa come valore sociale nei paesi occidentali.

In realtà la melodia e il testo di questo brano nascono per esigenze editoriali,  uscì in versione spagnola all'interno di un precedente CD realizzato nel 2006 per l'etichetta Cinedelic Records che racchiudeva cover di Madonna rivisitate in chiave jazzistica dal titolo "Bo.Dà plays Madonna in Jazz" e che vedeva Deborah Bontempi per la prima volta non solo interprete dei brani ma anche co produttrice e arrangiatrice del disco

I Bo.Dà decisero di realizzare un inedito da inserire all'interno del Cd, così nacque l'idea di parlare di un argomento inerente allo stile di vita di Madonna: il brano Like a Virgin ispirò l'argomento, ma il titolo lo trovò un grande autore della musica italiana, Saverio Grandi, suggerì questo Slogan che riteniamo piuttosto accattivante e potente.

Il testo scritto interamente da Deborah Bontempi è piuttosto bizzarro e pieno di figure retoriche ed immagini che fanno riflettere, passano veloci così come vive la nostra società, il testo rappresenta le contraddizioni dei nostri tempi

Il brano è stato interamente rivisto dai suoi egregi collaboratori per inserirlo in quello che sarà il Cd "JULIE OH ALFREDO!" Umberto Genovese alla batteria e percussioni, Giorgio Santisi al basso, Massimo Zanotti al Fender Rhodes, Guglielmo Pagnozzi il clarinetto...gli arrangiamenti sono di Deborah e di Domenico Meggiato che ne ha curato il missaggio e il mastering

Vi consigliamo di ascoltarlo e di guardare questo video clip e -perché no- di ballarlo  perchè fa venire voglia di muovere i fianchi e di ridere :-D

Visualizzazioni: 42

Commento

Devi essere membro di pressmusic.it per aggiungere commenti!

Partecipa a pressmusic.it

Partner

Digital Press Music

Seguici su Facebook

© 2019   Creato da Press Music.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio